Tag Archives: news

“Pasolini Roma” mostra a Parigi

Standard

Sino al 26 gennaio 2013 presso la Cinémathèque Française si terrà una mostra sull’importante relazione dal celebre regista Pier Paolo Pasolini con la capitale, Roma, l’esposizione, proveniente da Barcellona ritornerà a Roma a partire dal 3 Marzo dopo essersi spostata a Berlino.

Until January 26, 2013 at the Cinémathèque Française held an exhibition on the important report by the famous film director Pier Paolo Pasolini with the capital, Rome, exposure, from Barcelona will return to Rome from March 3 after moving to Berlin.

In mostra lo spezzone di vita di Pasolini dall’arrivo con la madre, in fuga dal Friuli Venezia Giulia a Roma sino alla morte, sulla spiaggia nel Lido di Ostia nel 1975.

Image

Nella mostra di Parigi, si visitano anche i posti frequentati solitamente da Pasolini. “Lui si è impregnato di questa città – dice il direttore della Cineteca, Serge Toubiana – per ridipingerla a suo modo”.

Per questo, l’obiettivo dell’esposizione è “dare conto dell’importanza e della complessità dell’uomo attorno a un tema preciso, Roma vista attraverso lo sguardo di Pasolini: i film, le amicizie, i suoi lavori come l’incarico di professore in un liceo di Ciampino, le case in cui ha abitato”.

Il primo romanzo firmato dall’artista, “Ragazzi di vita”, fu proprio terminato nella sua casa di Via Fonteiana 86, a Monteverde. Poi a via Giacinto Carini 45, Pasolini visse nello stesso palazzo di Bernardo Bertolucci [...].

In the Paris exhibition, you also places usually frequented by Pasolini. “He is steeped in this city – says the director of the Cinematheque, Serge Toubiana – for repainting it in its own way.”

For this reason, the aim of the exhibition is “to give an account of the importance and complexity of the man around a specific theme, Rome seen through the eyes of Pasolini movies, friendships, his work as the task of professor in a high school in Ciampino, the houses in which he lived. “

The first novel signed by the artist, “Boys Life”, it was done at his home in Via Fonteiana 86 in Monteverde. Then via Giacinto Carini 45, Pasolini lived in the same building of Bernardo Bertolucci [...].

[Rif. http://www.ilmessaggero.it/cultura/mostre/pasolini_roma_parigi_mostra_cinematheque_francaise_toubiana/notizie/340436.shtml%5D

Imageinfo: http://www.pasoliniroma.com/#!/fr/index

OH!PEN IT!_ti consigliamo il Cinema!

Standard

Image

Da questo Lunedì, ecco la nostra nuova Rubrica OH!PEN IT!, La storia del cinema, dalle origini ad oggi ha un repertorio vastissimo di capolavori, noi, ogni settimana li spoglieremo dalla polvere del tempo per farli ritornare attuali attuali attraverso fotografie, curiosità e materiale cinematografico reperito nel web. Questa settimana Buster Keaton in “The General”, film del 1926.

From this Monday, here’s our new format OH!PEN IT!. The history of cinema, from its origins to today has a vast repertoire of masterpieces, we will resume them one time a week from the dust of time to get them back in the present through pictures, curiosity and film material found surfing. This week we have chosen Buster Keaton in “The General” of the 1926.

Chi è stato Buster Keaton?

Image

Joseph Francis Keaton, detto Buster è stato un attore, sceneggiatore e regista. Figlio d’arte, si fece spazio nel cinema negli anni 20, dapprima grazie a delle brevi comiche, poi in lungometraggi talvolta non solo interpretati ma anche scritti e diretti. Buster Keaton si differenziava dai suoi contemporanei grazie ad un riconoscibile “antisentimentalismo”, non rideva, ne sorrideva creando contrasti tra la sua impassibilità e le vicissitudini bizzare o drammatiche che le si presentavano. Il suo talento e la sua mimica tanto imperturbabile quanto espressiva le ha valso il ventunesimo posto nella classifica dell’AFI dei migliori venticinque attori americani di tutti i tempi.

Buster Keaton is:

Joseph Frank “Buster” Keaton (October 4, 1895 – February 1, 1966) was an American comic actor, filmmaker, producer and writer. He was best known for his silent films, in which his trademark was physical comedy with a consistently stoicdeadpan expression, earning him the nickname “The Great Stone Face”. Buster Keaton (his lifelong stage name) was recognized as the seventh-greatest director by Entertainment Weekly. In 1999, theAmerican Film Institute ranked Keaton the 21st-greatest male star and he also earned an Academy Honorary Award in 1958.

[Rif. Wikipedia / Buster Keaton]

The General, Come Vinsi La Guerra

Sinossi: Guerra di secessione americana. Jhonny Gray macchinista della Western and Atlantic,  riesce ad essere convinto dalla sua ragazza e dalla famiglia di quest’ultima a recarsi all’ufficio delle leve per poter essere arruolato ma, proprio perché macchinista questo l’esercito lo rifiuta: “Sarà più utile al sud come macchinista”, dice un imbratta carte all’ufficio reclutamento. Jhonny adirato, tenta a più riprese di farsi arruolare senza riuscirci. I nordisti riescono con l’inganno a soffiargli il treno da sotto il naso e Jhonny, indomito, si getta all’inseguimento prima a piedi, poi in bicicletta, poi con un altra locomotiva. Penetra fra le linee nemiche, arriva al quartier generale dei nordisti e lì scopre che insieme al treno essi hanno rapito la sua ragazza.  Ella dà inizio ai guai del protagonista proprio perché sdegnata del fatto che il suo ragazzo non riusciva ad essere accettato nell’esercito, successivamente lui la salverà, il suo amore sarà il premio finale delle sue fatiche e le varrà il titolo di Eroe.

Johnnie Gray has two loves in his life: his engine and his girl, Annabelle Lee. The War Between the States begins with an attack on Fort Sumter, and Johnnie is the first in line at the recruitment office. But the enlisting officer rejects him (not telling him the reason: he is more valuable to the South as an engineer). Annabelle believes he didn’t even try to enlist, and she refuses to even speak to him until he is in uniform. Time passes and Union spies hatch a plot involving Johnnie’s engine, The General. Not only do they steal The General while Johnnie and the passengers are off the train having dinner, but they kidnap Annabelle who was still on board. Johnnie pursues The General in another engine, The Texas. Through various mishaps he becomes the Unionists’ sole pursuer. When the Unionists discover the train chasing them has only one man aboard, the long pursuit ends, and Johnnie barely escapes with his life. Johnnie is now behind enemy lines. He wanders the forest during a rainstorm then discovers a house, which he breaks into, grabbing what food he can. It turns out the Unionists who stole The General are using the house as a base of operations. While hiding under the dinner table, Johnnie learns the details of their next plot against the Confederates. More importantly, he discovers they have Annabelle Lee, whom he had never guessed was still on The General when it was taken. Johnnie manages to escape with Annabelle and take back The General. Now the Unionists are pursuing Johnnie, but if he and Annabelle can outrace them they can warn the Confederates of the Union’s latest plan.

[Rif. IMDb, written by sspurli]

Image

Happy Halloween’s Day

Standard

Durante la giornata di Halloween è sufficiente passeggiare per vedere gruppi di bambini mascherati intenti a chiedere il tradizionale “Dolcetto o Scherzetto” con in mano borse ricolme di dolcetti. Le vetrine nel frattempo si riempiono dell’arancione delle zucche e del nero delle streghe in questa magica festa dai tanti irrisolti misteri. In realtà questi misteri sono già stati svelati dalla storia e dalle leggende di tradizione anglosassone, ma quante persone sanno in realtà il perché di questa bizzarra ed affascinante celebrazione?

During the day, Halloween is a mere walk to see groups of children dressed intent to seek the traditional “Trick or Treat” holding bags filled with candy. The windows in the meantime fill of orange pumpkins and black witches in this magical celebration from the many unsolved mysteries. In fact, these mysteries have already been revealed by the history and legends of Anglo-Saxon tradition, but how many people actually know the reason for this bizarre and fascinating celebration?

the-nightmare-before-christmas-by-sugarkoma-on-deviantart

LA STORIA: Le origini di Halloween affondano presumibilmente le radici nella cultura celtica che riconosceva la celebrazione della fine dell’anno nel 31 ottobre perché, trattandosi di una realtà contadina, la fine d’ottobre equivaleva alla fine dell’estate, e quindi, era il momento di mettere al sicuro raccolto e bestiame e lasciarsi andare ai meritati  festeggiamenti. Festeggiamenti che, durante quella notte, erano aperti a tutti, compresi gli spiriti a cui sarebbe permesso tornare sulla terra, solamente nel giorno dell’anno in questione.

HISTORY: The origins of Halloween lie presumably the roots in Celtic culture which recognized the celebration of the end of the year in October 31 because, as a country reality, the end of October amounted at the end of the summer, and therefore, it was the time an effort to secure crop and livestock and to let go deserved celebrations. Celebrations that during that night, were open to all, including the spirits who would be allowed to return to earth, the only day of the year in question.

PERCHE’ DOLCETTO O SCHERZETTO?: I bambini travestiti bussano di porta in porta nel vicinato chiedendo dolciumi e caramelle con la tradizionale domanda “Dolcetto o scherzetto?”. La parola “scherzetto” è la traduzione dell’inglese “trick”, una sorta di minaccia di fare danni ai padroni di casa o alla loro proprietà se non viene dato alcun dolcetto (“treat”). “Trick or treat” (dolcetto o scherzetto) in realtà significa anche “sacrificio o maledizione”.

WHY TRICK OR TREAT: Children dressed knocking door to door in the neighborhood asking for sweets and candy with the traditional question “Trick or treat.” The word “trick” is the translation of English “trick”, a kind of threat to do damage to landlords or their property if not given any trick (“treat”). “Trick or treat” (trick or treat) actually means “sacrifice or curse.”

HALLOWEEN NEL CINEMA: Halloween nella storia del cinema ha ispirato diverse produzioni di successo basate sul tema, conosciamo bene lo stampo di Tim Burton per una narrazione del grottesco e del bizzarro “gentile” e tutta una serie di collezione da Horror per gli affamati di emozioni forti.

HALLOWEEN IN CINEMA: Halloween in the history of cinema has inspired several successful productions based on the theme, we know well the mold of Tim Burton for a narrative of the grotesque and the bizarre “gentle” and a whole host of collection of Horror for the hungry of emotions strong.

Bibliothèque du cinéma François-Truffaut

Standard
CONSIGLIDIVIAGGIO

Immaginate un week-end a Parigi e che siete appassionati di cinema. Quale potrebbe essere il posto più interessante dove passare un pomeriggio piacevole all’insegna del cinema? La risposta è la Bibliothèque du cinéma François-Truffaut.

Imagine a weekend in Paris and that you are passionate about cinema. What could be the most interesting place to spend a pleasant afternoon in the name of the movie? The answer is the Bibliothèque du cinéma-François Truffaut.

Che cos’è e dove si trova? La Biblioteca François Truffaut film è una biblioteca specializzata in cinema e televisione di Parigi. Si trova al numero 4 della Rue du Cinema del Forum des Halles (Metro Les Halles, ligne 4). La sua collezione è composta da libri, riviste, musica e soprattutto da film, fiction e documentari.

What is it and where is it? The Library François Truffaut’s film is a library specializing in film and television in Paris. It is located at number 4 in the Rue du Cinema Forum des Halles (Metro Les Halles, ligne 4). Its collection consists of books, magazines, music and especially from movies, dramas and documentaries.

 

La storia: Installato nel Dicembre 2008 presso il Forum des Halles, la “Bibliothéque du cinéma Francois Truffaut” è l’ereditaria del fondo per il cinema acquisito a partire da 1960 come parte della politica di sviluppo di fondi tematici nelle biblioteche. Nei primi anni del 1980 venne integrata con la Biblioteca André Malraux del 6eme arrondissement. Da allora la Cineteca ha acquisito una tale ricchezza di materiale (15.000 libri, 6.000 registrazioni documentari, 80 abbonamenti, 550 film documentari in formato VHS) da rendere necessaria la realizzazione di uno spazio specializzato adeguato all’afflusso di materiale e di pubblico acquisito. 

The story: Installed in December 2008 at the Forum des Halles, the “Bibliotheque du cinéma Francois Truffaut” is the inheritance of the film fund acquired from 1960 as part of the development policy of thematic funds in libraries. In the early 1980′s was integrated with the Library of André Malraux 6eme arrondissement. Since then, the Film Library has acquired such a wealth of material (15,000 books, 6,000 records documentaries, 80 subscriptions, 550 documentary films in VHS format) may require the creation of a specialized area adequate inflow of material and acquired public.

IMG_2232

IMG_2230

La missione: La missione della cineteca François Truffaut è quello di fornire la valorizzazione e la promozione delle collezioni rappresentative del cinema, della televisione e video. E’ permesso prendere in prestito tutto il materiale, con l’eccezione dei libri di riferimento, dischi documentari e libri o riviste rari o fragili.

Mission: The mission of François Truffaut’s film library is to provide the enhancement and promotion of representative collections of film, television and video. E ‘permitted to borrow all the material, with the exception of reference books, records documentaries and books from rare or fragile.

IMG_2239

Erri De Luca en France

Standard

Curiosando in una delle tantissime librerie Francesi mi sono felicemente imbattuta in alcuni dei magnifici romanzi di Erri De Luca, la cosa non mi ha assolutamente stupita anzi, ma rende sempre orgogliosi sapere che uno scrittore italiano è riuscito ad ottenere tanto rispetto ed ammirazione all’estero in un momento storico in cui l’Italia sembra voler mostrare solo i suoi lati peggiori.

Browsing in one of the many libraries French I happily came across some of the magnificent novels Erri De Luca, the thing I was not totally surprised indeed, but it always proud to know that an Italian writer managed to get so much respect and admiration abroad in a historical moment in which Italy seems to only want to see its downsides.

Aggiornato di recente

MontiFilm2013 di Gorizia

Standard

Martedi 5 Novembre in occasione del MontiFilm 2013 di Gorizia verrano proiettati a partire dalle ore 21:00 “Conversazioni all’aria Aperta” diretto da Elena Negriolli ed Aurelio Laino e prodotto da OH!PEN in collaborazione con Decimarosa ed a seguire il pluripremiato cortometraggio “Il turno di notte lo fanno le stelle” Scritto da Erri De Luca e diretto da Edoardo Ponti, La serata dedicata alla tematica fondamentale intrapresa da Erri De Luca in entrambe le opere è stata organizzata grazie alla preziosa collaborazione con ADMO, l’Associazione Donatori di Midollo Osseo.

Che cosa è MontiFilm2013? 

MontiFilm2013 è una rassegna annuale che si tiene a Gorizia nei primi tre Martedì di Novembre organizzata dal CAI di Gorizia,  che propone film e cortometraggi il cui tema principale è la montagna nelle sue varie declinazioni.

Image

Image

SINOSSI “Conversazioni all’aria aperta” di Elena Negriolli ed Aurelio Laino

Il documentario porta a riflettere sulle tematiche sollevate dal cortometraggio “Il turno di notte lo fanno le stelle” ovvero la donazione degli organi, il trapianto, la montagna ed il rapporto che l’uomo ha con essa. Nonostante i temi trattati dal cortometraggio possano sembrare profondamente diversi creano invece uno straordinario legame offrendo uno sguardo ravvicinato al pensiero dello scrittore De Luca, Erri è infatti il filo conduttore  degli incontri e dei dialoghi tra le montagne del Trentino alternando passeggiate e divagazioni a momenti intimi condivisi con il regista Edoardo Ponti, parte del  cast di “Il Turno di Notte lo Fanno le Stelle” e amici. C’e’ una “spaghettata” a casa della poetessa Roberta Dapunt e dello scultore Lois Anvidalfarei, in compagnia di scalatori come Pietro Dal Pra, donatore di midollo osseo, Nives Meroi e Romano Benet. C’e’ un estratto dell’incontro di Erri De Luca e il cast al rifugio Vajolet, nell’ambito degli eventi “Suoni delle Dolomiti”, Il tutto unito da incontri casuali e suggestivi scenari.

SINOSSI “Il turno di notte lo fanno le stelle” di Erri De Luca, diretto da Edoardo Ponti

Un uomo solitario e una donna sposata scalano una parete nelle Dolomiti. Lui ha appena affrontato un trapianto di cuore, lei un’operazione a cuore aperto. Si sono promessi quella scalata nei giorni di attesa in corsia. La loro intesa e complicità sfiora l’amore, però è altra cosa: è ringraziamento fatto all’aria aperta per i nuovi battiti del cuore. La cima raggiunta è il punto di partenza per la vita restituita.

per info: http://www.mountainblog.it/montifilm-2013-ritorna-gorizia-la-rassegna-cinemamontagna/

Antichi mestieri a Parigi

Standard

DSC_3078

Libri vecchi ed impolverati di antichi e sconosciuti scrittori francesi, poi cartoline e stampe di verosimili paesaggi parigini ed icone simboli di un’epoca “La belle Epoque”, questa è la Parigi che conosciamo, quella delle vie, dei ponti e degli antichi mestieri sulle rive della Senna.

Li chiamano “Bouquinistes” ed il loro lavoro è quello di conservare il piccolo commercio, quello dell’editoria dimenticata. Conosco uno di loro passeggiando, sono intenzionata ad acquistare una seconda edizione, di fine Ottocento di Dumas, passano diversi minuti, diversi quarti d’ora in cui mi racconta del libro che sto per acquistare come se fosse un caro amico da cui era arrivato il momento di separarsi.

DSC_6358

DSC_6350

DSC_6874
[pictures by Eleonora Furlani]

Spazioalcinema_Cattivissimo me

Standard

Il Box Office tira le somme dello scorso weekend e sembra che per questa volta bambini ed adolescenti abbiano avuto voce grossa sulle classifiche degli incassi; A pochi giorni dall’uscita al cinema del fenomeno d’ animazione Cattivissimo me 2 i produttori possono tirare un sospiro di sollievo, 5 milioni di incassi nel primo fine settimana, volando direttamente in vetta alla classifica.

.Image

SINOSSI:

Gru ha cambiato vita, le sue tre dolci bambine (adottate nel film precedente) rivestono il ruolo più importante nella nuova esistenza dell’ “ex cattivo” protagonista Gru, convertendo il suo laboratorio segreto da “Supercattivo” in un’impresa legale di produzione di marmellate e gelatine. Per il Dott.r Nefario (suo collaboratore prima della conversione del laboratorio), però, la rinuncia alla cattiveria è un sacrificio troppo grande dunque decide di allontanarsi andando a lavorare al soldo di un altro tipico antagonista dei cartoni. Nel frattempo Gru, viene reclutato dalla vulcanica agente Lucy Wilde, della Lega Anti Cattivi, per fingersi gestore di un negozio di dolciumi in un centro commerciale e contribuire a smascherare un criminale che vuole piegare il mondo ai suoi terribili scopi.

CRITICA:

La scommessa sta nell’ampliamento delle possibilità di lettura e/o ricezione proposte dal seguito di un outsider del genere d’animazione. «Cattivissimo me 2», infatti, è ancora farina del sacco della Illumination Entertainment (Universal con studi in Francia) che cerca di battere percorsi diversificati da quelli dominanti hollywoodiani. Il prototipo uscito tre anni orsono sbancò il botteghino mettendo al centro della storia un eroe negativo, il torreggiante e tutto-spigoli “bad guy” Gru che nasconde a causa di traumi infantili un animo gentile e si giova dei servizi d’irresistibili mini-sgherri gialli detti Minions: alla fine, però, come ogni favola educativa pretende, il nostro decideva di rinnegare il crimine e dedicarsi alla cura delle orfanelle Margo, Edith e Agnes. [...]

Valerio Caprara, su Il Mattino 10 ottobre 2013

[Recensione Rif. Mymovies.com http://www.mymovies.it/film/2013/cattivissimome2/rassegnastampa/677437/]

Storia di Irene, una serata teatrale, incontri a Roma e Napoli.

Standard

Sono stati organizzati una serie di incontri con Erri De Luca ed Isa Danieli, sotto lo sfondo musicale di Luca Urciuolo,  le tappe di questi incontri teatrali su “Storia di Irene” ed altri racconti saranno Napoli, il 14/10/13 ore 18:30 presso l’ Institut français di Napoli sito in Via F. Crispi 86 ed a Roma, lunedì 28/10/2013 ore 18:30 presso il teatro Palladium in Piazza Bartolomeo Romano, 8.

Has been organized two meetings with Erri De Luca and Isa Danieli and music of Luca Urciuolo on “Story of Irene” and others stories, the stages of these meetings will be in Naples on 14.10.13 at 18:30 at the ‘Institut français of Naples site in Via F. Crispi 86 and in Rome, Monday, 10/28/2013 18:30 at the Palladium Theatre in Piazza Bartolomeo Romano 8. Free admission first-served basis. For info. Press Feltrinelli – 02 867974

Image

Ingresso libero sino ad esaurimento posti. Per info. Ufficio Stampa Feltrinelli – 02 867974